Non esiste un’unica teoria sistemica e completa delle emozioni, risulta quindi difficile formulare una definizione univoca: potremmo definirle come reazioni adattive, di mediazione con l’ambiente, determinate da esperienze piacevoli o spiacevoli, caratterizzate da peculiari reazioni somatiche e da determinate qualità affettive. Nella concezione tradizionale l’emotività era considerata un’attività disorganizzata e disfunzionale, un fattore di distorsione e di disturbo del comportamento razionale: le emozioni erano considerate come appartenenti alla parte animale ed irrazionale dell’essere umano, e quindi avevano una connotazione estremamente negativa; attualmente vengono invece considerate in interrelazione con la parte motivazionale (e-movere = muovere fuori, movere = muovere verso) del comportamento e funzionali, in caso di livello moderato, alla capacità di raggiungere obiettivi arousal moderato).

Scarica il file PDF emozioni.pdf